My Blog

Nuova Adobe Creative Cloud per la “carta” e i device

6.13.2013 | news marketing web firenze

Il 17 giugno sarà disponibile la nuova release Adobe Creative Cloud, ma la CS6 resterà ancora on-line per lasciare che gli utenti si abituino in maniera graduale al cambiamento.

Uno strumento che pochi conoscono è Kuler, ci permette di accoppiare i colori in maniera “coscenziosa” e senza installare alcun programma, tutto online. Con la nuova CC, Kuler porta una grossa novità, ci permette di installarlo sul nostro iPhone (purtroppo solo quello) e di catturare colori di un’immagine tramite la fotocamera, salvare la cartella colori catturata e renderla disponibile sul Cloud per scaricarla una volta raggiunto il nostro computer, questo renderà disponibile quella cartella su tutti i nostri programmi Adobe CC.

Questo per dare la possibilità a tutti i creativi di registrare un’idea in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo, anche se non si ha a disposizione il proprio computer, non resta che chiederci quando sarà disponibile anche per Android.

Un altro nuovo strumento molto utile è Adobe Typekit che contiene online nella CC 175 famiglie di colori che possono essere installati sul nostro computer (compresi di licenza) alcuni sia web che desktop e sui nostri programmi Adobe sarà segnalato quale di questi font è anche web così da poter creare un template per i nostri clienti più realistico.

Trovate tutte le offerte della Creative Cloud sul sito Adobe inoltre per chi si iscrive entro il 28 giugno su graphiland.it c’è una promozione della Creative Cloud Team a 39,99 € per due anni invece di 69,99 €.

Passiamo ora alle novità dei vari programmi Adobe.

PRELUDE CC: è un nuovo programma che permette di fare un anticipo di montaggio dei nostri video, non permette di inserire animazioni o effetti come su Premiere, ma per una prima bozza è utile (es. per un aiuto registra) che aiuta un montaggio veloce e semplice.

Cliccando su Assimila, acquisisce i video girati, scegliendoli anche dalla fotocamera e si può scegliere più di una destinazione per fare una copia del filmato, il formato, i metadati (che può essere utile per una ricerca futura) e rinominare il file.

È possibile visualizzare già nell’anteprima il filmato tramite scrubbing e già nell’anteprima gestire da dove deve iniziare quel filmato una volta importanto.

Esportando poi il progetto si può fare in modo che sia possibile aprire lo stesso file anche con Premiere e il passaggio può essere automatico se si sta esportando per lo stesso computer (File > invia a Premiere Pro).

PREMIERE PRO CC: Sappiamo tutti a che serve, è un potete e professionale strumento per i montaggi video.

  • Una delle eccezionali novità di Premiere Pro è quella di poter ricollegare in maniera davvero veloce le clip mancanti

  • Un’altra novità è quella di poter modificare non solo la larghezza delle tracce video e audio come si poteva fare fin’ora, ma di modificare l’altezza delle tracce separatamente.

  • Le clip duplicate vengono subito segnalate tramite una piccola linea rosa alla base della clip e non è l’unica cosa segnalata, tramite una piccola iconcina con le iniziali fx, se è di colore viola, vuol dire che quella clip ha un effetto.

  • A partire da questa nuova release inoltre sarà possibile ricollegare due clip tagliate in precedenza col taglierino semplicemente cliccando col tasto destro e poi su unisci tramite montaggio.

  • Altra novità interessante è quella di modificare direttamente nella timeline l’effetto di dissolvenza.

SPEED GRADE CC: permette di correggere velocemente i colori di un video.

  • è possibile registrare i parametri che si possono usare poi su Premiere tramite la CC e quindi le correzioni stesse possono essere passate tramite la CC.

  • Si possono facilmente uniformare le tracce audio tramite il mixer audio.

  • Selezionando le clip si può creare una sincronizzazione dell’audio su video multicamera.

  • La visione multicamera è gestita contemporaneamente e mentre sono in play con un semplice click si può decidere quale camera inserire nel video finale.

AFTER EFFECT CC: questa release permette di creare altri effetti oltre a quelli già contenuti in Premiere Pro. Nel momento in cui viene installato After Effect viene installato Cinema 4D light e quindi i due programmi sono collegati tra di loro. Vediamo le novità di After Effect:

  • Inserimento di punti di aggancio.

  • Inserimento di una camera sui punti e inserimento di un elemento in 3D di Cinema 4D sul piano inserito sui punti.

  • Il nuovo strumento Rotobrush: aiuta il miglioramento dei bordi come in Photoshop, basta selezionare una parte della scena per sostituire delle parti della clip senza dover rifare tutto per ogni fotogramma.

  • Lo strumento Keylight permette di catturare il colore e modifica le impostazioni migliorando la mascherina obiettivo. Un esempio pratico e il difficile scontorno dei capelli. Alberto Comper nel suo video ci spiega benissimo come funziona questo nuovo strumento

  • Filtro stabilizzatore di immagini più sofisticato, una novità dell’anno scorso, ma molto più “stabilizzante”, analizza l’immagine e controlla quali movimenti subisce, traccia dei punti agendo solo sui punti che noi selezioniamo si limita la stabilizzazione della clip.

AUDITION CC: Permette di gestire le tracce audio, che siano dei nostri video oppure no.

La novità di Audition è la rappresentazione spettografica, si può quindi intervenire in maniera davvero esauriente sulla traccia audio con un pennello (simile a quello di Photoshop) come se fosse un’immagine e cancellare il rumore, non solo, nel momento in cui ci troviamo d’avanti ad un rumore continuo e ciclico, tramite effetti > riduzione rumore > acquisisci modello audio, l’intervento si ripeterà da solo su tutta la nostra traccia.

ADOBE ANYWHERE: Dà la possibilità di poter usare lo stesso progetto Premiere o After effect tramite la connessione internet, con enorme semplicità per gli utenti che collaborano tra di loro.

PHOTOSHOP: inutile introdurre questo potentissimo programma di fotoritocco, sappiamo tutti di cosa si tratta

  • un utile nuovo strumento è la Nitidezza avanzata, molto simile alla maschera di contrasto, ma molto più potente, permette di rendere più nitida l’immagine sfocata e di ridurre il disturbo del solo sfondo, tutto questo ci evita di utilizzare diverse maschere, permette inoltre di gestire in maniera efficace, sfondini e aloni che si vengono a formare cercando di rendere più nitida l’immagine

  • nuova nitidezza photoshop cc 2013

  • La vera novità di Photoshop è lo strumenti Dimensione immagine, all’inizio potreste essere un po’ spesati, ma intelligentemente hanno eliminato la doppia visualizzazione di pixel e cm ed è possibile scegliere una sola variante alla volta, così nel momento in cui ridimensionate i dpi, i pixel non saranno toccati e i cm invece sì. Altra novità da shock è la possibilità di ridurre il disturbo se il nostro cliente ci invia un’immagine in bassa risoluzione da dove utilizzare nella stampa, sempre in Dimensione immagine c’è una spunta con Riduci disturbo, che ci permette di selezionare la percentuale di disturbo da eliminare così che l’immagine può essere utilizzata anche se la portiamo da 72 a 300 dpi (sempre nei limiti del possibile ovviamente).

  • Riduzione del mosso molto più potente con filtro > nitidezza > rimozione effetto mosso, questa miglioria è davvero stupefacente e nel video di Alberto Comper potete vedere come l’immagine viene corretta

    sfocatura

  • Finalmente è possibile aprire anche un file jpg in Camera Raw, anche nella precedente versione era possibile, ma il giro per arrivarci era davvero lungo, ora è tutto integrato e sarà possibile modificare le poche impostazioni delle nostre foto in modo eccellente come se si trattasse di un Raw originale.

  • La nuovissima sfocatura radiale anche multipla volendo, fino ad ora era possibile creare la sfocatura soltanto rettangolare.

per il web invece

  • Il nuovo photoshop ci dà la possibilità di controllare meglio gli angoli arrotondati come già succede con indesign per esempio.

  • Si possono selezionare contemporaneamente due rettangoli e modificarli insieme, inoltre si possono visualizzare solo i livelli dei rettangoli selezionati senza doverli cercare.

LIGHTROOM 5 CC: già disponibile per chi è iscritto a CC dalla settimana scorsa. Le novità.

  • Il pennello che prima si usava solo per le macchie dell’obiettivo, ora dà la possibilità di scegliere la dimensione di questo pennello e di usarlo come timbro.

  • Controllo raffinato della prospettiva e correzione automatica delle linee cadenti

  • smart preview per far vedere ai clienti file più piccoli online senza utilizzare i pesanti file RAW, ma non solo è possibile modificare direttamente sulle preview e nel momento in cui ci ricolleghiamo al nostro computer, le modifiche verranno automaticamente collegate al file originale in alta risoluzione.

ILLUSTRATOR CC: Utilizzato non solo per illustrazioni, ma spesso per creare loghi e molto più spesso di quello che si pensa per creare layout web, infatti anche in questo ci aiuterà il nuovo illustrator, vediamo tutte le novità.

  • Il nuovissimo strumento per ritoccare il testo, sappiamo tutti come siamo costretti a lavorare adesso, è necessario creare il contorno al testo, col rischio di dover poi ricominciare dinuovo se qualcosa non ci piace per ripartire dal testo originale, adesso invece col nuovo illustrator possiamo modificare una lettera alla volta (dimensione, rotazione, spostamenti, colori, font) senza dover creare un contorno, ovvero il testo rimane testo. È a dir poco fantastico!

  • I nuovi pennelli danno la possibilità di usare un bitmap, ma la base rimane sempre un tracciato, senza dover importare file da photoshop come un’immagine e rischiare di dover rifare il tracciato da zero se non ci soddisfaceva il lavoro fatto.

  • In illustrator hanno aggiunto, inoltre, il nuovissimo pannello con le proprietà CSS dell’oggetto che abbiamo creato, facilitandoci il lavoro nel montaggio HTML. Basterà selezionare col tasto destro tutta la pagina e poi cliccare su genera CSS > esporta. Ovviamente i div dobbiamo crearli sempre noi.

  • Non solo, in maniera stupefacente, bastera copiare un testo creato in illlustrator e incollarlo nel nostro codice html e questo genererà automaticamente un codice svg che inserirà il testo senza essere costretti a creare un’immagine png o jpg.

INDESIGN CC: Programma professionale utilizzato per l’impaginazione sia cartacea che app ormai già dalla versione 6.

  • QR generator integrato in vettoriale con la possibilità di modificarlo senza dover ricreare un’immagine raster sui vari siti web e chi usa un po’ di javascript con poche righe di codice potrà creare un QR code diverso per ogni utente per esempio.

  • Negli stili di paragrafo c’è la possibilità di aggiungere tag per html

  • DPS come già sappiamo dalla versione Creative Suite 6 dà la possibilità di creare versioni per iPad, ma da questa nuova versione si possono vedere subito su varie colonne le diverse versioni della nostra rivista digitale (es. verticale e orizzontale), ma ne possiamo aggiungere infinite, questo gestirà il layout alternativo in automatico

  • Adobe Content viewer invece ci aiuta a vedere il contenuto dell’indesign della rivista creata sul nostro iPad senza doverla prima pubblicare su iTunes, ma ovviamente per la distribuzione bisogna inviare tutto a Apple.

Utilissimi tutti i video di Alberto Comper sul suo canale youtube


Comments